HARIMAU SILAT – Il Metodo

Trattandosi di stile orientato al combattimento nell’ HARIMAU MINANGKABAU sono sostanzialmente assenti i classici Juruso Forme, anche se il Maestro spiegate le tecniche abitua gli allievi ad allenarle anche da soli simulando un avversario (quindi più una specie di shadow boxing più che

una forma codificata).  Le posizioni e quindi le gambe vengono abitualmente allenate anche eseguendo posizioni basse (o molto basse), ma generalmente in modo dinamico (Lanka – boxing drill) e

questo consente  a mio avviso di acquisire in breve tempo forza e velocità esplosiva negli attacchi bassi (scese a terra) ed in generale migliora il foot work, la capacità aerobica ed offre una più ampia strategia di attacco e difesa.

Chi è dotato di flessibilità e ha buoni doti atletiche evidentemente è avvantaggiato, ma tuttavia le soluzioni tecniche offerte anche dalla semplice posizio

ne eretta dall’Harimau della scuola di Guro Kruk sono talmente efficaci che consentono comunque di gestire il combattimento con successo nella maggior parte dei casi (l’importante è la consapevolezza dei propri limiti e la giusta gestione di questi).

Nell’Harimau grande importanza hanno gli attacchi portati con mano aperta, tesi non solo a graffiare o meglio stra

ppare le carni (come richiama il nome dello stile Harimau=Tigre), ma anche a portare dei potenti colpi di palmo lungamente allenati con colpitori e routin dedicate.
Importante anche il condizionamento degli avambracci e delle tibie che consente da un lato una migliore chiusura della linea centrale negli attacchi e nelle parate e dall’altro permette di sviluppare ottimi strumenti di percussione.
Viene allenato il combattimento a terra in cui si usano potenti calci e ginocchiate e cadute in avanti dallo stile Lintao (Lintao Roll) tese sia ad accorciare la distanza che ad annientare immediatamente l’avversario.   Il combattimento a terra non è però gestito come negli stili di lotta, ma è utilizzato (specie nellascuola moderna di Guro Kruk) per lo stretto temo necessario per sopraffare l’avversario e chiudere il combattimento.  Si tratta perciò prevalentemente di tecniche di chiusura immediata del combattimento, dove il passaggio dalla posizione eretta

Per  filosofia non si vuole mai rimanere impegnati nel combattimento a terra, ma piuttosto se necessario si controlla l’avversario con prese (molto) dolorose su punti vitali   da posizione eretta o accovacciata.  Tali posizioni, ideali anche per chi svolge compiti nella sicurezza, consentono di abbandonare velocemente la presa, rendendo inoffensivo l’avversario e  dedicarsi ad altri avversari.Harimau Erik Kruk Silat Self Defense Difesa Personale

Nella Scuola di Guro Kruk è stata data una grande sistematicità nello studiare gli ingressi nella guardia dell’avversario utilizzando svariate strategie  e livelli di attacco.  Per  facilitare l’apprendimento sono stati organizzati specifici drill a supporto delle diverse soluzioni tecniche.

Il Pencack Silat in generale e l’Harimau in particolare, sono delle Arti Marziali nate per consentire ad un individuo anche di ridotte dimensioni di contrastare anche più attaccanti di maggiori dimensioni (nel passato gli Indonesiano si trovarono a combattere con gli Olandesi  che avevano un evidente vantaggio nella forza fisica), per cui le scelte strategiche, le velocità di esecuzione, l’azione su punti vitali (tipicamente collo, viso, schiena, ginocchia, punti vitali, giunture e legamenti), il cambiamento dei livelli nell’attacco sono elementi  primari nello studio e nell’allenamento.  Specifici allenamenti sono svolti per esercitarsi a combattere simultaneamente contro più attaccanti.

Ad un livello avanzato si dedica poi particolare attenzione alla preparazione psicofisica, in quanto le stesse strategie e soluzioni tecniche dell’Harimau richiedono buona preparazione fisica e talvolta il raggiungimento di un particolare stato mentale (il vuoto da ogni pensiero, ma anche una forte aggressività interiore che in questa sede non mi dilungo a spiegare onde evitare fraintendimenti).

L’ Harimau Baringin Sakti consente di  annientare efficacemente ed in pochi istanti anche più avversari fisicamente più prestanti e tale caratteristica ha consentito allo Stile di  riscuotere grande successo in campo militare ed è particolarmente apprezzato da chi si trova ad operare nella sicurezza e nel settore del Law Enforcement.     Traendo vantaggio dalla preparazione fisica e mentale del Harimau e dall’originale approccio tecnico e tattico, Gm Eric Kruk, forte anche del bagalio tecnico in altri stili (Kali, JKD) e dell’ampia esperienza operativa, ha codificato anche un programma denominato SOUTHWEST KNIFE TACTICAL SYSTEMS, che però non si limita solo alle lame, ma offre un approccio tattico ed operativo al combattimento, particolarmente utile a chi opera nei settori della Law Enforcemente e della Sicurezza, ove il Maestro ha grande esperienza

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia