PROTEZIONE PERSONALE

 

            I nostri programmi di difesa personale sono stati predisposti in moduli in modo tale da potersi adattare alle esigenze della diversa utenza e beneficiano dell’ampia esperienza sviluppata in diversi stili di Arti Marziali  e Sistemi di Close Combat di tipo Militare.

Per maglio soddisfare le diverse richieste si sono indentificati i seguenti settori:

  • Protezione Personale in senso stretto, anche definita Self Defense, ossia come difendere se stessi
  • Protezione Femminile, programma specificatamente dedicato alle donne e ragazze
  • Protezione Familiare, come difendere la propria famiglia dalle minacce esterne
  • Difesa Abitativa, come proteggersi all’interno della propria abitazione
  • Anti Bullismo, come agire al verificarsi di tale fenomeno in aiuto di conoscenti, amici o familiari e come formare carattere e skill in grado di dare adeguata risposta a ingiustificati comportamenti aggressivi esterni (in tale attività collaborano esterni esperti di settore)
  • Primo Intervento che comportamento tenere e come agire nel caso del verificarsi di un’aggressione o di un trauma  (in tale attività collaborano esterni esperti di settore)

La Protezione Personale, intesa nella eccezione di cui al primo punto (Difesa Personale o Self Defense), si basa sullo delle reazioni spontanee degli individui in condizioni di stress, in modo tale da instillare negli allievi reazioni spontanee, basate su schemi motori semplici e spontanei, ma in grado di far fronte in modo adeguato alle minacce.  Va specificato che sotto stress taluni azioni spontanee sono errate per cui si agisce, anche nel subconscio (ricondizionamento), al fine di modificare tali errati atteggiamenti.  Le tecniche insegnate per offrire un’immediata risposta alla violenza sono rafforzate dalla conoscenza dei punti di pressione e da un efficacie utilizzo di oggetti comuni o di uso quotidiano.  Le Arti Marziali a cui si è fatto riferimento, prese per altro a modello anche da diversi Corpi Speciali, sono in primis il Silat Indonesiano, per le inusuali ma efficacissime soluzioni tecniche adottate nel combattimenti disarmato e il Kali Filippino (in particolare stili blade oriented) per la capacità di trasformare in arma praticamente qualsiasi oggetto.  Grande importanza nella costruzione del Sistema ha comunque avuto anche il Jeet Kune Do, stile creato da Bruce Lee con intendimenti di “combattimento da strada” e il Kushi, per la conoscenza fornita dei Punti Sensibili del corpo umano (a tale riguardo vi è anche un programma apposito LTCP – Kyusho Tactical Control Points).   Negli ultimi livelli del corso lo studente viene sottoposto a test sotto stress fisico e mentale

Nel corso si insegnano anche i comportamenti da tenere al fine di individuare ed evitare minacce esterne.

Chi voglia ulteriormente progredire nello studio potrà rivolgersi al settore  Summa Maxima Combatives  e quindi ai settori Disarmato, Knife Fighting e Oggetti Comuni.    Chi svilupperà invece un maggior interesse per le Arti Marziali potrà acquisire in modo rapido pratiche ed efficacie conoscenze attraverso il percorso Martial Arts Concepts o tramite lo studio supportato da Summa Maxima nelle varie Discipline proposte (Kali/arnis/Eskrima, Silat, Jeet Kune Do, Kyusho)