OBBIETTIVI

 

Le Arti Marziali e i Sistemi di Combattimento di tipo militare, da sempre hanno fissato degli obbiettivi primari di attacco, dove le difese e le strutture del nemico sono più deboli e quindi più facili da abbattere.   Evidentemente concentrare gli attacchi su tali obbiettivi rende più efficiente tanto l’azione di attacco che di difesa, riducendo il dispendio di energie e garantendo una più rapida vittoria.

L’uomo e la sua struttura fisica, sono il riferimento dell’analisi di ogni Arte Marziale e Sistema di Combattimento, tuttavia gli obbiettivi principali di azione variano e dipendono da fattori quali:

  • Strategia utilizzata nel combattimento (ad esempio lotta al suolo o in piedi)
  • Tipo di armi utilizzate di preferenza, da quelle del corpo umano (calcio , pugno) o altre specifiche come armi da percussione (bastoni), da taglio (coltelli, spade) o da fuoco ecc
  • Campo di applica11828565_10153477897224909_2362452143997096862_nzione, sportivo o combattimento reale

Da tali fattori discendono necessità diverse di conoscenza del corpo umano e dei “Punti di Pressione“, intesi come parti deboli del corpo, in cui l’applicazione anche di una forza ridotta debilita molto l’avversario.

Dove si è sviluppato più un interesse sportivo, che di per se prevede regole, protezioni ed altre limitazioni, ovviamente l’importanza di una approfondita conoscenza dei punti di pressione va in parte (ma solo in parte) scemando.

Anche l’utilizzo di armi riduce la necessità di una conoscenza dei punti di pressione, per cui la rilevanza strategica dell’argomento si ridurre progressivamente passando dal disarmato, alle armi a percussione, a quelle da taglio, alle armi da fuoco  (dalla pistola alla mitragliatrice ecc).  Va peraltro evidenziato che gli obbiettivi delle armi a percussione, quali i bastoni, differiscono in modo significativo da quelli delle armi da taglio e  anche in questo caso variano a seconda del tipo di lama, se si tratta di armi prevalentemente da stocco (daga o fioretto) o da taglio (machete, golok), con lama dritta (bowie, coltello classico) o curva (Kukri, Karambit, roncola, ecc).Homman Marco Bellani Kyusho Punti di Pressione

Esiste anche una correlazione tra profondità della conoscenza dei punti di pressione  e  le caratteristiche del combattimento disarmato sviluppato, in quanto la possibilità di agire in modo più efficiente ed efficace sull’avversario riduce i tempi di azione e offre la possibilità di attivare una difesa attiva che debilita l’attaccante con ogni movimento di parata.

La possibilità di agire su obbiettivi più sensibili migliora la possibilità di successo nel combattimento contro più avversari o nel combattimento disarmato contro chi è armato, in quanto in entrambi i casi il successo è determinato dal tempo impiegato nell’azione.

Nel nostro percorso Marziale abbiamo avuto la possibilità di studiare più stili in cui si faceva riferimento in modo attento a specifici punti di pressione, è il caso dell’Harimau di Guru Eric Kruk in cui praticamente ogni colpo (difesa o attacco) viene portato su specifici punti di pressione, di stili di Arnis come quelli della famiglia Sayoc (Tanang Bo Sayoc era fisioterapista esperto di punti di pressione)  o anche sistemi di combattimento evoluti come quello del GM Bram Frank che per molti aspetti si sono basati pantazi-giannola-medici-bellani-kyusho-ktcp-colombosulla conoscenza del Kyusho della scuola del GM Dillman, che influenzò anche il GM Prof Remy Presas (fondatore del Modern Arnis) nell’ultima fase della sua carriera.   L’incontro con i punti di pressione è avvenuto anche in molti altri casi , con Maestri Italiani del Kyusho International del GM Evan Pantazi (che non finiremo mai di ringraziare abbastanza) e altri Maestri  americani di stili di Close Combat.

 

La nostra Associazione, con il supporto di Maestri esperti nel settore, cerca di rafforzarPunti-di-pressione Kruk Harimau Bellanie lo studio delle Arti Marziali e dei Sistemi di Combattimento praticati attingendo nel profondo alla Scienza dei Punti di Pressione.    Lo studio è affrontato in SUMMA MAXIMA applicando i punti di pressione all’interno delle azioni, routine e drill tipici di ogni Stile, senza richiedere l’apprendimento di kata o lo studio di posizioni particolari.  A nostro avviso infatti le posizioni  devono essere assunte in funzione del movimento dell’ avversario o della strategia impostata nel combattimento e non delle tecniche che si vogliono applicare ai Punti di Pressione, i quali devono invece risultare funzionali alla progressione dell’azione impostata e alle geometrie del movimento.

Certificazioni

internazionali

Tra i principali:

Fondatori del Martial Hero Award / Martial Hero Hall of Honor   www.martialheroaward.com   

Affiliato con i principali Council Internazionali di Arti Marziali

Riconosciuti come SCUOLA e STILE dal WHFSC – World Head Family Sockeship  Council 

Eredi del lineage del compianto Pendekar Victor De Thouars per il Serak/Serah/ Puncah Serah

Fondatori ed istruttori accreditati della JEET KUNE DO BRANCHES, Scuola di Sifu Peter Chin (uno dei 4 studenti certificati in Jeet Kune Do da Bruce Lee) e Sifu Tommy Gong (Bruce Lee Foundation e JKD Nucleus Board director) 

Rappresentanti  (Senior Instructor) di GM Leo T Fong fondatore del Wei Kwen Do e Bruce Lee training Partner oltre ad essere uno dei primi Maestri a diffondere la Serada Eskrima del GM Angel Cabales

Rappresentanti in Italia per il  Wing Chun del GM Samuel Kwok, erede dei figli del GGM Ip Man, GM Ip Chun e GM Ip Chin

Rappresentanti Europei dell’ HARIMAU BARINGIN SAKTI  (Caposculola Guru Eric Kruk)

Rappresentanti in Italia ed associati alla International Pencak Silat Federation – Pentjak Silat USA

Associati a SEAGMA – SouthEast Asian Global Martial Arts

Rappresentanti in Italia del Kyusho e KTC (uso tattico dei punti di pressione) del GM Evan Pantazi  (fondatore della nota Kyusho International)

Rappresentanti in Italia del SAYOC KALI del compianto Pamana Tuhon Chris Sayoc

Rappresentanti  italiani del Warriors Eskrima  (full instructor)

Rappresentanti in Italia e co rappresentanti europei del Combat Modern Arnis e CSSD-SC del GM Bram Frank

Iscrizione nel registro dei Maestri di Kali-Arni-Eskrima riconosciuti nelle filippine 

Rappresentanti in Italia di Guru Cecep Arief Rhaman

Rappresentanti in Italia di stili di Close Combat quali Lahner Tactical e TnT ed in Europa di ODF/ODT

Depositari di alcuni antichi stili italiani di combattimento con il coltello

I migliori

sono con noi

Fin dalla sua costituzione Summa Maxima ha seguito il motto “per essere i migliori studiare dai migliori”,  per cui ha cercato la collaborazione dei migliori insegnati per ogni settore, tra questi:

  • Pendekar Victor De Thouars (Silat Serak)
  • Sifu Peter Chin (Jeet Kuen Do)
  • Sifu Tommy Gong (Jeet Kune Do)
  • GM Samuel Kwok (Wing Chun)
  • GM Bram Frank  (Combat Modern Arnis – CSSD/SC)
  • Guru Cecep Arief Rhaman (Panglipur Silat)
  • Guru Eric Kruk (Harimau Baringin Sakti)
  • GM Evan Pantazi (Kyusho e KTCP)
  • Punong Guru Krishna Godhania (Warriors Eskrima – Sayoc Kali)
  • Master Florian Lahner (Lahner Tactical)
  • Master Edessa e Robert Ramos (TNT)
  • GM Leo T Fong (Wei Kwn Do – Jeet Kune Do)
  • GM Prof Dan Anderson (Modern Arnis 80)
  • Tuhon Jimmie Sayoc (Sayoc Kali)

Oltre 100

eventi internazionali

A partire dal 2005 Summa Maxima ha organizzato ogni anno importanti eventi internazionali nelle diverse Arti Marziali rappresentate, al fine di dare ad ognuno la possibilità di conoscere e studiare con importanti Grandi Maestri internazionali.

Summa Maxima rimane sempre a disposizione da un lato di Maestri di valore che vogliano farsi conoscere, dall’altro può aiutare ad invitare nel nostro territorio Maestri e GM internazionali. 

Summa Maxima nel 2018 ha costituito il MARTIAL HERO HALL OF HONORS (conosciuto anche come Martial Hero Award), evento internazionale di primo piano a cui ha dato seguito la costituzione di un Council formato da oltre 50  GM e Maestri nazionali ed internazionali, con il fine di sviluppare mutua sinergia sul piano tecnico e collaborativo .   

Oltre 24

percorsi formativi

Summa Maxima  al fine di soddisfare le diverse esigenze ha predisposto svariati percorsi formativi ripartiti nelle diverse DISCIPLINE (al momento KALI, SILAT, JEET KUNE, WING CHUN, COMBATIVES, KNIFE FIGHTING, KYUSHO), tal volta presenti in STILI (versioni) diversi e ATTIVITA’ riferite  ad argomenti specifici quali la difesa personale (presente nei diversi aspetti), corsi VIP, le armi da fuoco, quelle da taglio, il combat soft air, la preparazione fisica ed altro

15 anni

di esperienza nella formazione istruttori

Summa Maxima nella sostanza nasce nel 2005, ma da ben prima di tale data i soci fondatori si sono impegnati nella formazione di studenti ed insegnati nelle diverse discipline (visibili nel sito).

Inizialmente Summa Maxima ha supportato i percorsi di insegnamento di importanti Maestri e Grandi Maestri internazionali e da qualche tempo ha formulato programmi autonomi nelle diverse discipline, frutto dell’apprendimento di programmi completi di stili diversi (anche della stessa disciplina, ad esempio Kali, Silat, Knife FightingCombatives), di cui siamo rappresentanti nazionali, europei o eredi di lineage.

La formulazione dei corsi nelle diverse discipline ha beneficiato inoltre dell’ampia visioni di insieme e del continuo confronto reciproco.